Avvertenza: abbiamo momentaneamente disattivato la possibilita di iscriversi automaticamente a nuovi utenti. Stiamo imparando a evitare lo spamming e l'hacheraggio di cui siamo già stati oggetto. Se vuoi partecipare alla realizzazione di SovranitalimentareWiki, modificare le voci o integrarne i contenuti, per favore invia una mail a wiki@sovranitalimentare.it e ti sarà assegnato un account. Grazie per la pazienza (stiamo imparando)

Alimurgia

Da PerlaTerra Wiki.
Scrivi al WikiTeam



Questa pagina utilizza materiale clonato, tradotto ed in via di integrazione e modifica dalla voce di Wikipedia "Alimurgia".
Questo articolo, come tutti i materiali del Wiki PerlaTerra (vedi) è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License

L'alimurgia è la scienza che riconosce l'utilità di cibarsi di determinate piante selvatiche che sono edibili, soprattutto in tempi di carestie o semplicemente per scopi salutistici. Tali piante sono dette piante alimurgiche se appunto commestibili, e perciò prive di sostanze velenose o comunque dannose per l'organismo.

Il termine alimurgia fu coniato del medico e naturalista fiorentino Giovanni Targioni-Tozzetti (1712-1783) nel trattato De alimenti urgentia (1767), opera che trattava della possibilità di far fronte alle carestie, ricorrendo all'uso dei prodotti spontanei della terra e principalmente delle verdure.[1]

Le parti commestibili (o edùli) di una pianta possono essere diverse: foglie, fusto, germogli, fiori, radici, tuberi, bulbi e bacche.

Alcune piante alimurgiche

Note

Bibliografia

  • Indrio F., 1981. Piante selvatiche commestibili. Ed. Ottaviano, Milano.
  • Kuster H., 1989. Il libro delle erbe aromatiche. Garzanti, Milano.
  • Lanzani Abbà A., 1960. Il prato nel piatto. Mondadori, Verona.

Voci correlate

Collegamenti esterni